• Vasco Rialzo

Siete mai stati a Saragozza?

Io sì, alcuni anni fa. Ci arrivai con il treno veloce da Barcellona. La capitale dell'Aragona mi piacque molto e, dopo tutto questo tempo, desidero condividere con voi alcuni scatti fotografici che feci allora e che avevo (ovviamente) dimenticato. Ecco la mia Saragozza

Trascorsi in città alcuni giorni ed ebbi la fortuna di poterla conoscere accompagnato da chi la conosceva bene. Un importante privilegio che consente di "entrare" nei luoghi nuovi in punta di piedi e dalla porta di servizio per poterne ammirare fin da subito i volti più autentici e affascinanti.

L'impressione che ebbi, e che miracolosamente ricordo bene ancora oggi, fu quella di una città equilibrata e accogliente, priva di quel flusso umano dato dal turismo di massa tipico di Madrid o Barcellona. Una città a misura d'uomo, dove si vive bene come una volta, come diremmo banalmente a Bologna...

Di Saragozza ricordo il fiume Ebro, la gigantesca cattedrale, le viuzze piene di localini dove mangiare tapas, i pochissimi turisti tra le scatole, un clima asciutto e piacevole, i tanti angoli belli e suggestivi. E uno squisito liquorino che mi fecero assaggiare dopo cena e che, da semplice assaggio, divenne presto la portata principale della serata. Si chiamava pacharán, un nome che non dimenticherò mai...

Mi piacerebbe tornarci per conoscerla meglio. In aereo si raggiunge male dall'Italia, ma con il treno veloce è facile e comodo. La prossima volta che mi reco a Barcellona mi organizzo e vado. Se vi va di venire con me, contattatemi così andiamo insieme e qualche narrazione e lettura non ve la toglie nessuno...